Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Confcommercio presenta il libro ‘Cocaweb. Una generazione da salvare’ del Senatore Cangini

Leggi

Rinnovo canone speciale RAI 2022, proroga al 31 marzo 2022 del termine per il pagamento

Leggi

Estate tra gusto e bellezza con i Week Gastronomici d’(A)mare

Leggi

Week Gastronomici D’(A)MARE - Estate 2022

Leggi

Al via il regolamento che disciplina la produzione e la vendita del pane fresco

ASSIPAN-Confcommercio plaude all’iniziativa. Basta al PANE FRESCO anche la domenica della Grande Distribuzione.

“ Dopo un parto assai travagliato e prolungato, a breve i panificatori artigiani vedranno l’operatività di un regolamento che doveva essere emanato ben 12 anni fa, dopo che il decreto 223 del luglio 2006 aveva cancellato una legge preziosa per i nostri fornai tradizionali” è questo il commento di Marco Arzeni Segretario di ASSIPAN di Pesaro e Urbino aderente Confcommercio. “ Un regolamento indispensabile – sottolinea il Presidente Marcello Angelini – per rispetto innanzitutto dei consumatori che oggi non possono sapere se il pane comprato in un qualsiasi supermercato sia un pane fresco o un pane derivante solamente dalla cottura finale di un prodotto surgelato proveniente da chissà dove e senza data certa “ .
Con l’emanazione a breve del regolamento quindi verranno disciplinate precisamente la definizione di “panificio”, di “pane fresco” e di “pane conservato”, cercando di restituire alla figura del fornaio-panificatore una propria precisa identità.
“Siamo anche contenti – ribadisce Marco Arzeni – perché la Regione Marche è in procinto di emanare una legge regionale sulla materia e la stessa non rispondeva a quei criteri di chiarezza e trasparenza che un simile argomento necessita. Ci auguriamo quindi ora un ripensamento”.

Negli ultimi anni l’invasione di pane precotto e congelato proveniente dai paesi dell’Europa dell’
Est e distribuito principalmente presso i punti vendita della grande distribuzione organizzata, ha creato un significativo danno ai panificatori.
Basti pensare che negli ultimi due anni l’importazione di pane precotto e congelato proveniente dall’Europa dell’Est è aumentata del 91% con un fatturato passato da quattro a otto milioni di euro l’anno.
Purtroppo questa è una tendenza che non sarà facile invertire fino a quando i consumatori non giungeranno alla consapevolezza che la qualità del pane dovrebbe rappresentare il primo e più importante criterio di selezione.
Il pane fresco prodotto dai panificatori professionisti è garanzia di materie prime di eccellenza, farine e lieviti selezionati, pasta madre curata direttamente dal produttore. Tutto questo è una garanzia per la salute dei consumatori che i prodotti precotti e congelati importati non hanno.

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies