Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

La nuova legge sulle borse di plastica

Leggi

Ford - Confcommercio: convenzione riservata solo ai soci

Leggi

Accordo BCC di Gradara e Confcommercio Pesaro e Urbino

Leggi

«Bene il format, ma rivogliamo le casette di legno»

Si smontano gli arredi delle feste, i suggerimenti della Confcommercio

IL BILANCIO PESARO «Natale sereno per i commercianti, venduti soprattutto i regali per i bambini. Il prossimo anno, con l'arredo del centro storico completato, serve un passo in avanti. Casette in legno in piazza del Popolo al posto delle tende sul modello di Candele a Candelara, e un'operazione luminarie che porti risalto a livello nazionale».

In attesa che l'Amministrazione comunale e la Pesaro Parcheggi facciano il bilancio del Natale appena concluso,(«a giorni comunicheremo i dati», hanno fatto sapere ieri), il segretario comunale della Confcommercio Davide Ippaso riporta le sue impressioni e quelle dei commercianti sul periodo festivo, con le ricette per migliorarlo: «Direi che il Natale per gli esercenti è andato serenamente, visti i momenti di difficoltà che stiamo attraversando. Poteva andare meglio, ma nella vita non ci si può sempre lamentare, so di alcune attività che nel periodo natalizio hanno lavorato bene.

C'è stata la tendenza a fare molti regali per i bambini, i genitori piuttosto che farsi i regali tra loro, li hanno acquistati soprattutto per i figli e i bimbi di parenti e amici». Ieri sono iniziate le operazioni di smontaggio del villaggio natalizio in piazza del Popolo e dintorni. «Il format lo valutiamo positivamente nel suo complesso, non so quanto abbia tenuto la pista di pattinaggio quest'anno, che non è stata favorita da un clima rigido, a parte pochi giorni». In alcune località del circondano, vedi la vicina Cattolica, le luminarie verranno mantenute per tutto il mese di gennaio, per Ippaso: Al Comune deve investire su delle super luminarie attira-visitatori» pagnare il periodo dei saldi... «Può anche essere una buona idea, ma continuo a pensare che tenere le luminarie per un periodo troppo lungo, fa perdere il senso dello spirito natalizio. A Pesaro iniziano il 26 novembre e andare avanti per tutto gennaio, sono due mesi e mezzo, un Babbo Natale nelle luminarie non lo si può tenere per quasi una stagione». A proposito di luminarie, anche quest'anno c'è stato l'ormai abituale caso di una parte di attività di via Branca, catene ma non solo, che non volevano versare gli 80 euro per pagare gli addobbi. «Non volendo pagare le luminarie, si perde il significato dell'idea di fare sistema. Non credo che per 80 euro si rischi di mandare in fallimento la società. Se ognuno di noi apportasse un piccolo tassello, ne beneficerebbero tutti, e invece c'è sempre qualche furbo che non paga, sapendo che le spese vengono coperte dagli altri, ma così non va».

Per il Natale 2018, Ippaso punta a due soluzioni da introdurre. «Se c'è una cosa che non mi soddisfa sono le tende in piazza del Popolo. Vorrei vedere delle casette in legno, come a Candele a Candelara, che danno un maggiore senso del Natale. Inoltre, chiederei all'amministrazione comunale di iniziare a pensare ad un piano corposo di luminarie ma che diano risalto al centro, accompagnate da una campagna promozionale a livello nazionale, in grado di attirare persone da tutta Italia. I cantieri sono ormai completati e il Comune ha un annodi tempo per pensare a qualcosa che renda il nostro centro storico il più attrattivo di tutta la riviera».

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies