Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

Accordo BCC di Gradara e Confcommercio Pesaro e Urbino

Leggi

Ford - Confcommercio: convenzione riservata solo ai soci

Leggi

Consumi fermi malgrado la ripresa

Segnali di ripresa, ma i consumi sono ai livelli del 1999. Ne soffre anche la grande distribuzione e la Confcommercio attacca la politica «che non ha difeso i piccoli negozi». L’analisi del direttore di Confcommercio Amerigo Varotti si spinge dietro le pieghe dei dati congiunturali.
«Nel 3° trimestre 2014 le esportazioni delle imprese della nostra Provincia sono aumentate del 1%, un dato in linea con l’andamento nazionale ma che risente pesantemente della crisi del mercato russo a causa della pesante svalutazione del rublo (-40% nel 2014), determinata dalle sanzioni dell’Unione Europea e USA e del calo del prezzo del petrolio. Comunque, anche se solo dell’1%, l’aumento dell’export è un dato positivo per la nostra economia e le nostre imprese. Così come sono positivi altri indici regionali che posizionano le Marche tra le Regioni più virtuose e attive d’Italia».
Altri segnali arrivano «dal tasso di disoccupazione nelle Marche è sceso all’8,9% (contro la media nazionale dell’11,8%; meglio di noi solo Veneto, Emilia Romagna, Lombardia), il numero degli occupati è risalito nel 3° trimestre a 637.000 , (era sceso a fine 2013 a 608.00); la cassa integrazione guadagni rispetto al 3° trimestre del 2013, è scesa del 18,6%. Sono segnali piccoli ma confortanti. Quello che non cessa di preoccuparci è la pesante pressione fiscale nazionale, il carico micidiale di imposizioni a livello locale (IMU, TASI, TARI) che ha depresso ulteriormente i consumi creando enormi problemi alle aziende del commercio, del turismo e in genere a tutte le imprese che – per propria natura – non possono puntare all’internazionalizzazione perché legate al mercato interno. I consumi nel 2014 si attesteranno, secondo Prometeia, a 813 milioni di euro. Un livello pari in termini reali e a quello del 1999. Un calo che sta interessando tutte le tipologie (esclusi i discount); anche supermercati e ipermercati stanno rallentando le vendite se è vero che (con l’eccezione del gruppo CONAD) tutte le imprese della grande distribuzione denunciano pesanti cali di vendite».
L’Associazione ha un chiodo fisso. «Si conferma quello che Confcommercio Pesaro e Urbino denuncia da troppi anni: l’assurdità di una eccessiva liberalizzazione delle aperture di esercizi della grande distribuzione.
La crisi sta facendo giustizia della scelte nefaste di molti amministratori pubblici che hanno ammazzato i piccoli negozi, i centri storici ma che ora si riversa anche sulla grande distribuzione visto che negli ultimi 5 anni hanno chiuso in Italia 118 supermercati e la formula degli Iper è in crisi. L’assurdità è che ci sono ancora nei Comuni della nostra Provincia “bravi” amministratori che pensano di autorizzare outlet e centri commerciali».
Altro tema altra grana. «Sul turismo, nonostante il forte impegno promozionale e di comunicazione della Regione Marche e delle Camere di Commercio, le cose non vanno meglio soprattutto per quanto riguarda i fatturati degli alberghi costretti ad abbassare notevolmente i prezzi al di sotto della normale redditività delle imprese. E mentre a livello nazionale la nuova dirigenza dell’ENIT voluta da Renzi fa disastri e pensa di trasformare l’Agenzia Nazionale del Turismo in un portale di commercializzazione (saltando così il lavoro di Agenzie di viaggio e Tour Operator), ci aspettiamo che dal 2015 con i nuovi fondi europei legati al POR Marche 2014/2020 ci siano le risorse per facilitare la riqualificazione delle nostre strutture ricettive e l’ampliamento delle iniziative d promo-commercializzazione. Sempre che Renzi in questa follia centralistica non decida di revocare alle Regioni la competenza in materia uccidendo il turismo».

Da non perdere

Casa di Cura Privata Prof. Montanari

Casa di Cura Privata Prof. Montanari - La Casa di Cura Privata Prof. E. Montanari si trova a Morciano di Romagna ed è una struttura sanitaria privata che si occupa di medicina e chirurgia generale
La Casa di Cura Privata Prof. E. Montanari si trova a Morciano di Romagna ed è una struttura sanitaria privata che si occupa di medicina e chirurgia generale
Tel.: 0541.988129
www

Partner&Associati

#Conforzaecoraggio

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies