Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Nuove disposizioni DPCM 25 ottobre 2020

Leggi

Ford - Confcommercio: convenzione riservata solo ai soci

Leggi

Confcommercio e Riviera Banca ancora insieme nel 2020

Leggi

Gradara, un castello di rabbia «Chiudere alle 14, che errore»

Gradara, un castello di rabbia «Chiudere alle 14, ehe errore» Confcommercio, Varotti scrive al Ministero. Il sindaco Gaspari: «Intanto abbiamo riaperto»

Cinque visitatori per volta, mascherina, sanificazione all\'ingresso, percorsi ben segnalati per mantenere le distanze interpersonali di due metri durante la visita: la Rocca Demaniale di Gradara è nuovamente aperta al pubblico da ieri, ogni settimana dal martedì alla domenica, dalle 8.30 alle 14 e la biglietteria chiude alle 13.15. È un primo passo verso il ritorno alla normalità che però implica una riduzione delle visite al solo orario antimeridiano.

La riorganizzazione «Il periodo è particolarmente difficile e complicato — chiarisce il sindaco Filippo Gasperi e comprendo lo sforzo di riorganizzazione in capo alla Direzione regionale Musei Marche, specie per i musei che come Gradara non hanno stanze interne molto ampie. Ci hanno contattato diversi operatori turistici del centro storico per segnalare questo orario non proprio rispondente alle aspettative; comprendiamo il disappunto ma come amministrazione siamo comunque felici di questa riapertura. Dobbiamo considerare che il nostro monumento non ha spazio e sale interne molto ampie e la distanza interpersonale va sempre mantenuta. Capisco la difficoltà dal punto di vista logistico e la limitazione che ne consegue. Per quanto riguarda gli orari se si riuscisse ad ottenere una maggiore flessibilità sarebbe meglio ma anche lì c\'è da immedesimarsi nelle difficoltà gestionali a garanzia sia dei turisti che del personaleaddetto». «Gestione al Comune»

Di diverso avviso il direttore di Confcommercio Amerigo Varotti: «È un fatto gravissimo che lede le potenzialità di sviluppo economico e turistico non solo della città di Gradara ma di tutto il comprensorio nel quale Gradara e la sua Rocca hanno un ruolo attrattivo e insostituibile — scrive Varotti in una lettera inviata ieri al Ministero dei Beni Culturali - La chiusura pomeridiana impoverisce il territorio e le imprese». Ed auspica che la gestione della Rocca possa essere assegnata all\'Amministrazione Comunale. Sulla stessa linea il consigliere regionale Andrea Biancani: «Ritengo che la scelta debba essere rivista e aggiornata. Sarebbe un danno per l\'attrattività del sito e soprattutto per le tante attività economiche del territorio, già duramente colpite dalla chiusura forzata di questi mesi. Sarebbe opportuno tornare agli orari di prima, con l\'apertura mattino e pomeriggio»


dal Corriere Adriatico

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies