Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Rinnovo canone speciale RAI 2022, proroga al 31 marzo 2022 del termine per il pagamento

Leggi

Lavoro e formazione, Confcommercio all’Alberghiero di Pesaro per la prima tappa del Talelent Day

Leggi

Comunicazione e promozione: Confcommercio Marche Nord sempre più digitale e social

Leggi

Adriatic Green Trail, 3 giorni in bicicletta per scoprire le bellezze della provincia

Leggi

«Il 50 per cento degli agriturismi non è in regola»

Di fatto i ristoratori hanno le amministrazioni comunali sulla graticola. E non solo per la proposta di allegare a tutti i bagnini la possibilità di cucinare in spiaggia, ma anche perché «le stesse amministrazioni locali dovrebbero, per legge, controllare i casi di abusivismo e invece non lo fanno», ha detto Varotti riferendosi alla concorrenza sleale: «Ci sono agriturismi veri e che noi apprezziamo e valorizziamo. Ma ce ne sono tanti che sono finti e non rispettano le regole, sui quali dovrebbero vigilare i Comuni che invece non fanno nulla. Per fortuna ci pensa la Guardia Forestale, che è stata incaricata dalla Regione dopo le nostre sollecitazioni. Ebbene un rapporto della stessa Guardia Forestale dice che nel cinquanta per cento degli accertamenti effettuati sono state comminate sanzioni. Inoltre il 5% di questi agriturismi è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria anche per frode. Frequenti i casi in cui olio, carne, vino ed altro non provenivano dalla azienda». Varotti ha lanciato un appello perché «anche Polizia municipale ed enti locali preposti controllino agriturismi e circoli. A proposito di questi ultimi ricordo che sono stato io l’unico inquisito, al momento di denunciare luoghi abusivi. Questo è un paese che va così, dove tutti siamo uguali ma qualcuno è più uguali di altri. Poi, ovviamente mi hanno assolto. E molti circoli continuano a somministrare cibi e bevande senza poterlo fare. E noi facciamo denunce ma controllano solo i ristoranti. Così non va, proprio non va. Senza parlare dei Farmer market che mettono in seria crisi i commercianti di frutta e verdura che con tanta professionalità operano da anni. Anche ai Farmer market vanno fatte verifiche sulla reale provenienza dei prodotti».
Denunce anche dalla platea. «Chi dovrebbe controllare è il primo che non rispetta le regole. Purtroppo il problema è politico», ha detto Euro Roscini, ristoratore, citando ad esempio «maxi cene a base di stoccafisso con trecento persone invitate con tanto di autorità in circoli privati della città di Pesaro. Che esempio di rispetto delle regole c’è verso chi paga le tasse?».

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies