Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Nuova cartellonistica Fipe per pubblici esercizi dal 1 maggio

Leggi

Pagamenti elettronici, a giugno scattano le multe. Critica Confcommercio Marche Nord

Leggi

Caro-bollette, Confcommercio Marche Nord: “Al Prefetto un documento per il presidente Draghi\"

Leggi

Un successo alla Bit di Milano per la nuova edizione dell’Itinerario della Bellezza

Leggi

TAGLIARE LE IMPOSTE PER NON TASSARE LA CRESCITA

Confcommercio ha discusso a Roma, in un Convegno con esponenti del Governo e delle forze politiche, il tema che è oggi il più importante del nostro Paese: “Tagliamo le tasse, non tassiamo la crescita”.
Senza un reale, consistente, taglio della pressione fiscale che grava sui cittadini e sulle piccole e medie imprese, il nostro Paese non ritroverà la strada dello sviluppo e della crescita.
Abbiamo raggiunto livelli di tassazione insostenibile: alla voracità da primato europeo del fisco si aggiunga il peso della tassazione locale (che è aumentata del 200% dal 1997 al 2013) ed il quadro è fatto. Non deve sorprendere poi che anche nel mese di maggio 2014 i consumi sono calati in Italia dello 0,7% rispetto ad aprile e che tutti i centri di rilevazione economica attestano che nel 2014 la crescita del PIL in Italia sarà pressoché nulla. E ciò anche perché si riscontra un rallentamento dell’export per le difficoltà di alcuni Paesi – vedi Russia – ma anche per l’elevato cuneo fiscale ed un carico fiscale non più sostenibile per le imprese – che mette fuori mercato la nostra industria manifatturiera.
Come può pensare il Governo Renzi che si possa uscire dall’attuale profonda crisi se si continuano a fare solo annunci ma i fatti sono ridotti al lumicino??
Già il decreto sul lavoro è stato rinviato a settembre; il decreto competitività è ancora in discussione (e contiene norme “aiuta grandi”); la legge delega fiscale ha appena iniziato a muoversi in Parlamento.
E dei tanto decantati tagli alla spesa pubblica (previsti 17 miliardi!!) al di là di qualche auto blu all’asta e del desiderio (per ora solo tale) di tagliare i mega stipendi, null’altro si è visto.
Mentre il Parlamento è impegnato a creare un Senato di 100 nominati con immunità e alla Camera resteranno 630 (dico 630) deputati?

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies